Prestiti alle imprese, solo il 2,6 per mille riesce a ottenerli

prestiti impreseSecondo quanto rivelano gli ultimi dati forniti dall’Osservatorio Credito Confcommercio (Occ), su 1.000 imprese che richiedono un finanziamento solamente 26 riuscirebbero ad ottenere la linea di credito desiderata, per il livello più basso dal 2009.

Ancora, proseguono le tristi statistiche dell’Occ, più della metà delle imprese italiane che lavorano nel settore dei servizi (il 51,5%) dichiara di non riuscire a far fronte al proprio fabbisogno finanziario, necessitando pertanto del ricorso a linee di credito terze (contro una percentuale pari a “solo” il 29,9% nel corso del 2012).

Prestiti Nuova Sabatini, il 31 marzo il click day

prestiti sabatiniParte lunedì 31 marzo 2014, alle ore 9, il via libera all’inoltro delle domande per accedere ai finanziamenti della Nuova Sabatini, l’iniziativa su fondi del Ministero dello Sviluppo economico finalizzata a supportare gli investimenti delle imprese in macchinari.

In particolare, la misura prevede che siano costituiti presso la Cdp un plafond di risorse fino a 2,5 miliardi di euro (ma incrementabili successivamente fino a 5 miliardi di euro) che banche e altri intermediari potranno utilizzare per poter concedere alle piccole e medie imprese, fino al 31 dicembre 2016, finanziamenti di importo compreso tra i 20.000 euro e i 2.000.000 euro a fronte degli investimenti in macchinari.

Prestiti a stranieri: come funzionano e come richiederli

PRESTITI STRANIERII prestiti ai cittadini stranieri rappresentano oggi l’11% delle domande di credito, con un lieve calo rispetto a quanto era riscontrabile un anno fa.

Prestiti di natura prevalentemente personale (mentre sono inferiori alla media le richieste di prestiti per l’acquisto casa, o finanziamenti finalizzati) e che vengono generalmente richiesti da cittadini romeni (oltre un quinto del totale), albanesi, marocchini, tedeschi, filippini, svizzeri, peruviani. Ma in che modo è possibile ottenere un finanziamento personale per stranieri?

Prestiti oltre la raccolta a febbraio 2014

prestitiSecondo quanto ricorda l’ultimo rapporto mensile dell’Abi, l’Associazione Bancaria Italiana, nel corso del mese di febbraio 2014 i prestiti che sono stati concessi dalle banche italiane avrebbero superato l’ammontare complessivo della raccolta, “battendo” quest’ultima per 1.855 miliardi di euro a 1.717 miliardi di euro.

Ancora, l’Abi segnala come a gennaio le sofferenze nette siano state pari a 80,5 miliardi di euro (quelle lorde a 160,4 miliardi) con un rapporto tra sofferenze nette e impieghi totali pari al 4,38% a gennaio 2014, contro il 4,31% di dicembre 2013 e il 3,37% di gennaio 2013. Il rapporto tra sofferenze lorde e impieghi è invece pari all’8,4% a gennaio 2014, contro il 6,4% di un anno prima, e con punte del 14,2% per quanto concerne i piccoli operatori economici.