Prestiti alle imprese, solo il 2,6 per mille riesce a ottenerli

prestiti impreseSecondo quanto rivelano gli ultimi dati forniti dall’Osservatorio Credito Confcommercio (Occ), su 1.000 imprese che richiedono un finanziamento solamente 26 riuscirebbero ad ottenere la linea di credito desiderata, per il livello più basso dal 2009.

Ancora, proseguono le tristi statistiche dell’Occ, più della metà delle imprese italiane che lavorano nel settore dei servizi (il 51,5%) dichiara di non riuscire a far fronte al proprio fabbisogno finanziario, necessitando pertanto del ricorso a linee di credito terze (contro una percentuale pari a “solo” il 29,9% nel corso del 2012).

I dati del report Occ evidenziano altresì che alla fine del 2013 sarebbe aumentata anche l’area di irrigidimento, ovvero la sommatoria di quelle imprese che si sono viste erogare un credito inferiore rispetto a quello che avevano originariamente domandato, così come la percentuale di imprese che ha affermato di non aver acuto accesso al credito bancario. L’area di irrigidimento a fine 2013 è infatti passata al 52,3% contro il 49,1% di un anno prima, evidenziando ulteriori tensioni nel tessuto socio economico nazionale.


L’unica notizia positiva, a voler trovare la parte “mezzo piena” del comune bicchiere, è il fatto che le imprese appartenenti al settore terziario, che si dichiarano in grado di fronteggiare il proprio fabbisogno finanziario senza alcuna difficoltà, sarebbero cresciute dell’8 per cento rispetto al trimestre precedente, con la maggioranza che continua comunque ad avere problemi finanziari di natura più o meno profonda.

Per quanto attiene infine uno spaccato territoriale, a livello geografico è il Sud Italia il territorio più colpito dalla stretta creditizia, visto e considerato che in tale macro zona le imprese che si sono viste negare – in tutto o in parte – il credito richiesto, sono state pari addirittura all’81%. Situazione più attenuata, ma pur sempre in peggioramento, e con livelli di preoccupazione drammatica, nel Centro Italia e, soprattutto, nel Nord Ovest e nel Nord Est.

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *