Prestito Fotovoltaico

In fase di grande diffusione anche nel panorama italiano, il prestito fotovoltaico è – come suggerisce lo stesso nome del prodotto finanziario – una linea di credito concessa a privati e ad aziende per permettere ai clienti degli istituti bancari e finanziari di poter esaudire la necessità di coprire le spese relative all’installazione e alla messa in opera di un impianto per lo sfruttamento di energia pulita e rinnovabile.

La crescente diffusione di questa tipologia di finanziamenti deriva dai vantaggi economici che, una volta sostenuto il costo fisso derivante dal suo acquisto e dalla sua installazione, è possibile ottenere attraverso l’impianto: a tal proposito, occorre ricordare che oltre ai risparmi in bolletta vi sono importanti incentivi e agevolazioni rientranti all’interno dell’ambito del cosiddetto “Conto Energia”.

Come ottenere il prestito fotovoltaico

Di conseguenza, sfruttando questa incrementante domande nella Penisola, le banche italiane si sono adeguatamente attrezzate per offrire alla propria clientela soluzioni idonee a soddisfare il desiderio di entrare in possesso di un impianto ad energia solare e fotovoltaica.

La concorrenza venutasi a creare nel settore ha oramai prodotto la concessione di finanziamenti molto convenienti sul fronte dell’onerosità complessiva, con percentuali di finanziabilità dell’impianto pari anche al 100% delle spese preventivate, comprensive non solo dell’onere necessario per entrare in possesso della struttura, bensì anche per quelle relative all’installazione e alla sopra ricordata fase di messa in opera.

Ancora più recentemente, sono state approntate da parte delle banche delle offerte commerciali molto complete, che oltre all’aspetto meramente finanziario, prevedono l’integrazione con le operazioni di acquisto diretto dell’unità, e la fornitura di accurati servizi di consulenza e di assistenza.

Sul fronte delle rimanenti caratteristiche contrattuali, ricordiamo che la durata totale dell’operazione può giungere fino ai 10 anni e, in alcune ipotesi, anche ai 15 anni. Sono ammesse le operazioni di estinzione anticipata del debito residuo, nei modi e nei termini stabiliti dalle condizioni sottoscritte.